about me 

Il mio problema principale è sempre stato quello di non voler portare con me il peso della macchinetta fotografica quando sono in giro per il mondo.
Essendo i viaggi un altra passione importante, ed essendo il capostipite del viaggiare leggeri, i primi tempi ho sempre preferito portare con me macchine di poco ingombro in quanto il pensiero di portare una macchina fotografica più professionale quindi più pesante è sempre stato un limite importante.
Oggi la macchinetta è una priorità nella valigia, ma per il mio modo d’intendere la fotografia, non nascondo che adoro partire con poca attrezzatura e condizionarmi a scattare con ciò che ho portato dietro.
La passione vera e propria è scattata quando ho capito che all’interno delle fotografia c’è qualcosa di impalpabile dietro allo scatto. Al di la della tecnica e della giusta composizione e di una buona post produzione, quello che personalmente credo faccia la differenza è il grado di empatia che chi scatta la fotografia riesce ad avere con il momento che sta osservando. Un atto meditativo.

Ph. Gionata Moretti
Copyright – All Rights Reserved ©Gionata Moretti

Mi piace quella che io considero fotografia statica, intesa come la fotografia di una situazione immobile, un paesaggio ad esempio o un ritratto in cui la differenza al momento dello scatto la fa secondo me il livello di coinvolgimento che sia ha col soggetto in questione, a furia di scattare mi sono reso conto che in queste situazione la foto è fortemente influenzata dallo stato emotivo (e non solo) di chi osserva la scena, sono convito che un paesaggio cosi come l’espressività di un viso vengano influenzati dal fotografo.

 Copyright – All Rights Reserved ©Donato Nunzi
 Copyright – All Rights Reserved ©Donato Nunzi

La mia vera passione però è fotografare “il mentre”. Con “il mentre” intendo quel momento in cui la situazione è sospesa; in quel momento a differenza della fotografia statica in cui il fotografo deve essere bravo a creare empatia (che considero in questo contesto magia), quando si fotografa il mentre al contrario bisognerebbe mettersi nello stato d’animo di essere come invisibili e lasciare che la scena si svolga senza interferire, credo che quel momento in cui la scena si anima, i soggetti siano come avvolti da un velo di inconsapevolezza che obbliga il tempo a fermarsi nella leggerezza del momento presente.

 Copyright – All Rights Reserved ©Donato Nunzi
 Copyright – All Rights Reserved ©Donato Nunzi

Mi piace il bianco e nero per le situazioni di movimento, in quanto le sfumature di grigio danno all’immagine una maggiore emozionalià, Considero il colore un punto fermo per rendere un paesaggio vivo ed espressivo.

Direct Contacts:

TEL. +39 3398170111
Mail: donatonunzi.ph@gmail.com

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt
Loading...
Skip to toolbar